Barzin – Notes To An Absent Lover (Monotreme/Goodfellas)

Un immaginario introspettivo, malinconico e sentimentale. Romantico per dolce dolore, si potrebbe scrivere. Sono solo piccoli spostamenti, eppure Barzin, nelle profondità di qualche oceano, si muove proprio grazie a questi scarti.
“Notes To An Absent Lover”, successore dello splendido “My Life In Rooms”, ha colori pallidi e sfuggenti, eppure rischia di straziare per manifesta emotività. Una narcolessia pop (ma non tragga in inganno la provenienza canadese, i retaggi vanno ben oltre) di stampo cantautorale, dove il testo è scritto sapendo come e quando dovrà abbandonarsi alla musica. In punta di commozione, si intende, trascurando presunti appigli d’autoralità avant (sommessi – eppure presenti – in alcune prove precedenti) e sfruttando i sussurri dell’Ep “Just More Drugs”, da cui è tratta una “Queen Jane” in cui è palesato un personale viaggio verso la concretezza. Col volto sempre rivolto verso il basso, sia chiaro, e regalando solo qualche sussurro, arrangiato da carezze sonore in cui, forse per magia, la delicatezza sa essere graffiante e straordinariamente corporea.
Ed il lasciarsi andare alla caducità più pura (per fare due soli esempi: quella meraviglia di “Soft Summer Girls” e la conclusiva “The Dream Song”) mostra, oltre ad una preziosa sensibilità, la definitiva maturazione di un artista che, oggi, non ha nulla da invidiare a Glen Johnson o ad altri amici della penombra.
“Notes To An Absent Lover” esce in tutti i negozi di dischi il 16/02/2009 (Monotreme/Goodfellas)

Biografia
Barzin è un artista canadese di origine iraniana. Inizia ad appassionarsi di musica ai tempi del liceo, suonando la batteria in una band formata insieme ad alcuni compagni di scuola. All’università scopre la chitarra e dà inizio al proprio progetto musicale. L’esordio discografico arriva nel 2003. Con il secondo album “My Life In Rooms”, il prmo pubblicato dall’inglese Monotreme, Barzin apre lo spazio a collaborazioni e con l’aiuto di Tony Dekker (Great Lake Swimmers) Suzanne Hancock rende il proprio sound più completo ed emozionante.
(a cura di Marco Delsoldato e Giuseppe Marmina)

MP3 BarzinNobody Told Me *in esclusiva*
MP3 BarzinStayed Too Long In This Place
MySpace: Barzin

Contrassegnato da tag , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: